La campagna dell'Iran per uccidere dissidenti e intellettuali all'estero: nella lista c'era anche Bernard-Henri Lévy

Per assassinare lo scrittore francese un’unità della Quds Force aveva dato 150mila a un trafficante di droga, che a sua volta aveva assunto dei killer. Questi ultimi sono stati però fermati in tempo


Source: Repubblica.it