Russia, l'ultima sfida della Pussy Riot Masha Aljokhina: è latitante dal primo giorno di guerra

Il suo nome nella lista dei ricercati dopo che ha rimosso il braccialetto elettronico mentre era ai domiciliari e ha postato la foto del gesto per protesta contro l’offensiva in Ucraina. Nel 2012 cantò una “preghiera anti-Putin” nella Cattedrale del Cristo Salvatore e scontò due…


Source: Repubblica.it