Balotelli rischia solo una multa Salvini: «Io lo avrei arrestato»

«Io Balotelli l’avrei proprio arrestato», l’ha detto il vicepremier Matteo Salvini rispondendo a una domanda di Nicola Porro che l’ha intervistato a Quarta Repubblica su Rete 4, a proposito della denuncia a Mario Balotelli per aver indotto per scommessa un amico a gettarsi in mare in sella ad uno scooter sabato scorso. «Macché scommessa, è stato solo un gioco. Io e Mario siamo amici, ci piace scherzare. E questo abbiamo fatto l’altro giorno. Io sono benestante, non ho bisogno di duemila euro». Nel giorno in cui la polizia municipale lo ha denunciato per violazioni del Testo unico dell’Ambiente, abinvece bandono di rifiuti pericolosi e getto pericoloso di cose, Catello Buonocore, che ha gettato nel mare di Mergellina un motorino sotto lo sguardo divertito di Mario Balotelli, si difende così.

Al calciatore, che è stato ripreso mentre lo invitava a tuffarsi offrendogli duemila euro, la polizia municipale contesta i reati di istigazione a delinquere ed esercizio di gioco d’azzardo. L’informativa è arrivata in Procura nel pomeriggio di ieri e domani, probabilmente, il fascicolo sarà assegnato a un pm della sezione coordinata dall’aggiunto Giuseppe Lucantonio. Non è detto che il pm condivida le valutazioni fatte dalla polizia municipale: è possibile, infatti, che alla fine Balotelli (assistito dall’avvocato Amedeo Di Pietro) e Buonocore (difeso dal penalista Vincenzo Propenso) se la cavino con una sanzione amministrativa, cioè una multa. Non è scontato neppure che i due protagonisti della bravata vengano interrogati dagli inquirenti. Lo scooter è stato poi ritrovato in via Andrea d’Isernia e sequestrato

«Da tre giorni — racconta Buonocore — devo tenere il telefono spento, sono assediato. Molti mi chiamano per insultarmi. In realtà è stato tutto uno scherzo: Mario era in compagnia di Pia, la bambina avuta da Raffaella Fico, che è molto amica di mio figlio. Hanno alloggiato nell’hotel Romeo, poi hanno affittato una barca per fare un giro nel golfo: una cosa che lui fa spesso, ama la nostra città e il nostro mare. Ci siamo così trovati ai pontili di Mergellina e lì si è inventato questa cosa della scommessa. Ma c’è stato un equivoco, era una cosa tanto per ridere.

Balotelli e Buonocore si conoscono da anni e hanno in comune proprio la passione per le barche. Il padre di Catello, infatti, a Castellammare gestisce proprio un pontile dove il calciatore più volte ha attraccato. È un pregiudicato piuttosto conosciuto nella città stabiese, mentre il figlio è incensurato. I due giovani hanno l’abitudine di fare ogni tanto le vacanze insieme.

«Da sabato scorso, quando quel video è diventato virale — racconta ancora Catello Buonocore — non dormo più. Sono morto di vergogna, non avrei voluto tutta questa cattiva pubblicità. Sono costretto a tenere il telefono spento, l’ho riacceso un attimo per parlare con mia moglie e ho trovato centinaia di messaggi e chiamate. Non immaginavo che una bravata potesse avere queste conseguenze».

Le violazioni

Gli addebiti contestati: gioco d’azzardo, istigazione a delinquere e abbandono di rifiuti

 

Fonte: https://www.pressreader.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *