Santomauro, l’esclusione dei giovani professionisti dal “Bonus Sud” è totalmente ingiustificabile

 

LO HA DETTO PRESIDENTE DELL’UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI TRANI 

 

TRANI – “L’esclusione delle attività professionali dagli incentivi previsti dal decreto per la crescita economica nel Mezzogiorno (il cosiddetto Bonus Sud) è ingiustificato e ingiustificabile. Faccio appello al presidente nazionale dei commercialisti Massimo Miani e al presidente del Cup Marina Calderone affinché possano far sentire la voce dei giovani professionisti in Parlamento, spingendo per la modifica di questo provvedimento e per far sì che anche essi possano essere inclusi”.

Lo ha detto Fedele Santomauro, presidente dell’Unagraco di Trani e consigliere d’amministrazione della Cassa ragionieri.

“I giovani professionisti sono parte integrante del tessuto produttivo italiano e nel corso di questi anni hanno vissuto le difficoltà della crisi e la conseguente perdita di fatturato.

Proprio per questo – esamina Santomauro – non si comprende la loro esclusione da un decreto che prevede la possibilità di richiedere un finanziamento fino a un massimo di 40 mila euro per giovani tra i 18 e i 35 anni residenti nel Mezzogiorno che vogliano avviare, o abbiano da poco avviato, un’attività di impresa, ancora di più se si pensa al ruolo che questi giovani possono avere a supporto dei richiedenti del finanziamento e nelle prime fasi di vita dell’impresa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *