Borse europee in calo, fiammata del petrolio dopo la crisi nel Golfo

Milano parte piatta poi scivola a -0,82% appesantita dalle banche, Londra perde  lo 0,22%, Parigi perde lo 0,56% mentre Francoforte è chiusa per festività.  In Europa i fari sono puntati sul Regno Unito, dopo gli attacchi che hanno colpito la capitale inglese venerdì sera, mentre si avvicina l’appuntamento elettorale dell’8 giugno, con i sondaggi che danno il socialista Jeremy Corbbin sempre più vicino alla premier Theresa May.

Apertura sostanzialmente piatta per lo spread. Il differenziale Btp/Bund segna 198 punti contro i 197 della chiusura di venerdì con il rendimento del decennale italiano è pari al 2,26%. Sul mercato valutario l’euro è in lieve calo (-0,01%) a 1,112 dollari, restando comunque vicino ai livelli massimi degli ultimi sette mesi.

Nell’agenda macroeconomica di oggi si attendono l’aggiornamento degli indici markit pmi relativi ai servizi in Europa e Usa, mentre sempre dagli Stati Uniti, è in programma la diffusione degli indicatori relativi agli ordini, al costo del lavoro e alla produttività.

Poco mosso l’oro, nonostante le tensioni mediorientali. Il lingotto con consegna immediata sale dello 0,1% a 1280 dollari l’oncia.

 

Fonte: Repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *