Torino si è arreso dopo 22 ore l’uomo che si era barricato in casa bloccando un quartiere

Si è arreso dopo 22 ore di resistenza Ferdinanzo Urzini, l’uomo che si era barricato in casa alle 13 di ieri al quinto piano di un palazzo di via Borgaro a Torino. A convicerlo ad arrendersi, con l’offerta di un cappuccino e tante parole, sono stati i carabinieri e il pm Cesare Parodi che era intervenuto questa mattina Per tutta la notte Ferdinando Urzini, 52 anni, ha continuato a lanciare giù dal balcone pezzi di casa: sono arrivati pezzi di armadi e le reti del letto.
L’uomo aveva una pistola e ha minacciato di usarla. ,”Vi sparo” aveva detto rivolto ai carabinieri e ai vigili del fuoco che hanno chiuso la strada, ieri, dalle 13. “Potete spararmi”, ha replicato poco dopo. Fino a sera ha documentato sui social network quello che stava accadendo in casa e in strada, cercando di spiegare al mondo le sue minacce, in realtà una sequenza infinita di accuse ad amici e parenti.

Dirette Facebook che sono finite poco dopo l’arrivo degli esperti dei carabinieri che hanno intavolato con lui una trattativa per convincerlo a uscire di casa ma Urzini, per un periodo anche in cura al Maria Vittoria per un disturbo, forse di tipo bipolare, non ne ha voluto sapere. Non è la prima volta che Urzini dà in escandescenze. L’uomo, che sembra essere affetto da bipolarismo, lo scorso anno aveva occupato per diverse ore un tratto di strada di Stignano, il suo paese d’origine calabrese. E, sempre secondo quanto appreso, era stato sottoposto ad un Tso. L’uomo era in cura psichiatrica, ma da qualche mese sembra che abbia smesso di prendere le medicine.
Dalle sue parole emergeva il timore di essere seguito, spiato con le telecamere. “Mi vogliono impiccare”, diceva. Nelle immagini girate nell’appartamento che da due notti sta distruggendo pezzo per pezzo si vede l’arma che lui però non ha mai impugnato. “Non voglio fare del male a nessuno, spostatevi e spostate le macchine”, sembra abbia detto a qualche vicino ieri prima di cominciare a lanciare di sotto qualsiasi cosa, compreso un acquario con acqua e pesci. Lo sportello del forno, piatti, soprammobili e anche il motore del condizionatore si sono schiantati sull’asfalto dal quinto piano. Sotto casa sua – dove sei squadre dei vigili del fuoco hanno gonfiato i materassi temendo che l’uomo volesse buttarsi- si è creata una specie di discarica sotto gli occhi di carabinieri e polizia e di fronte a di centinaia di persone che sono rimaste a guardare per tutto il pomeriggio e molti fino a tarda sera. Erano almeno 200, con bambini al seguito, a documentare con foto e filmini la via paralizzata. Alcuni oggetti sono finiti anche al piano di sotto dove si sono appostati i carabinieri e ha danneggiato la porta finestra.

Fonte: Repubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *