Rogo Pomezia, la nube nera della Eco X va a sud: stop a raccolta ortaggi e pascoli nel raggio di 5 chilometri

Ancora alte fiamme nella notte fra sabato e domenica dalla Eco X. E scuola chiuse per altri due giorni, lunedì 8 e martedì 9 maggio, come stabilito con un’ordinanza dal sindaco di Pomezia Fabio Fucci, per consentire le operazioni di pulizia straordinaria. Torna l’allarme nel comune vicino Roma e nelle zone limitrofe, mentre l’Asl rende noto che «era presente nelle coperture del tetto amianto incapsulato. Ora si dovrà valutare l’effetto del calore su questa particolare sostanza. Al momento non abbiamo elementi che possano destare preoccupazioni, almeno a livello acuto». Intanto la mattina del 7 maggio l’intera area è stata nuovamente avvolta dalla nube scura. Immane il lavoro degli oltre 40 vigili del fuoco impegnati su via Pontina Vecchia, a scavare metro dopo metro, a spegnere focolaio su focolaio. Sul posto diverse squadre, autobotti e mezzi speciali come il Super Dragon, impegnato anche negli aeroporti romani. La densa nuvola si è di nuovo diretta a tratti verso l’abitato di Pomezia e il litorale romano. Il commissario straordinario del Comune di Ardea, Antonio Tedeschi, ha firmato un’ordinanza di «divieto di raccolta degli ortaggi e di pascolo degli animali nel territorio comunale distinto in un raggio di 5 chilometri dal luogo dell’incendio dell’impianto di stoccaggio Eco X di via Pontina Vecchia. È quanto scaturito da una richiesta pervenuta ufficialmente dalla Direzione del dipartimento di prevenzione della Asl Roma 6». Nel tardo pomeriggio di domenica, mentre procedeva senza tregua il lavoro di spegnimento, i vigili del fuoco hanno aggiornato il bollettino stimando che l’emergenza sarebbe potuta rientrare già nelle successive 24 ore. Da lunedì, dunque, la situazione potrebbe iniziare a normalizzarsi.

Fonte: Corriere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *