Brad Pitt: «Ho smesso di bere»

L’attore parla per la prima volta del divorzio da Angelina Jolie («È stato come morire») e del rapporto con l’alcol («Ero un ubriacone professionista»). Oggi, che ha smesso, pensa solo ai sei figli: «La mia famiglia è stata fatta a pezzi»

star sQuando tocchi il fondo non puoi che risalire. Il castello di Brad Pitt, 53 anni, è crollato lo scorso settembre, quando la notizia del divorzio tra lui e Angelina Jolie, 41, ha stupito il mondo. Dopo sei figli (Maddox, 15, Pax, 13, Zahara, 12, Shiloh, 10, e i gemelli Vivienne e Knox, 8, ndr), dodici anni d’amore e, ciliegina sulla torta, un romantico matrimonio in Provenza.

Da allora è successo di tutto. Prima, le accuse nei confronti dell’attore per «maltrattamenti contro minori» (dopo una presunta lite col figlio maggiore Maddox, 15, su un aereo privato) e le divergenze intorno alla custodia dei bambini; poi, la decisione di gestire il divorzio come «cosa privata», il riavvicinarsi ai figli, il parlare di nuovo con Angelina.

«Mi sono sentito incatenato al sistema quando i Servizi per i Minori mi hanno chiamato», racconta adesso per la prima volta, sulla cover di Gq Style, «Ma com’è noto, dopo tutto ciò, siamo stati in grado di lavorare insieme per venirne fuori. Entrambi facciamo del nostro meglio. Ho sentito dire a un avvocato:” Nessuno vince in tribunale, è solo una questione di chi viene ferito di più”. E sembra essere vero: trascorri magari un anno concentrandoti sul costruire un caso per difendere il tuo punto di vista, perché tu hai ragione e il resto è sbagliato, ma è solo un modo per alimentare l’odio».

E lui e Angelina hanno deciso di non percorrere quella strada.
Oggi l’attore, ha aggiunto al magazine, vive nella casa d’infanzia dei suoi bambini, sulle colline di Hollywood, col suo bulldog: Jacques. Subito dopo la separazione, invece, ha trascorso un periodo in un bungalow di un amico di Santa Monica. Ma la priorità sono sempre stati i suoi figli: «Fortunatamente la mia partner è d’accordo: è stato molto, molto doloroso per i bambini trovarsi improvvisamente la loro famiglia fatta a pezzi. E adesso dobbiamo ricostruirla, l’obiettivo è che ognuno venga fuori da tutto questo come una persona migliore e più forte».

 

Fonte: www.vanityfair.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *